Le diete: falsi miti e buone regole da sapere

Sul web e sulle riviste è possibile reperire diete e piani alimentari che spesso presentano delle criticità o delle false informazioni che potrebbero compromettere il buon risultato, ma anche, nei casi più gravi, la salute

0
250
diete regole

Una dieta sana e bilanciata è essenziale non solo per rimanere in forma, ma anche per conservare o acquisire un buono stato di salute del proprio organismo. Tuttavia, sul web e sulle riviste è possibile reperire diete con regole e piani alimentari che spesso presentano delle criticità o delle false informazioni che potrebbero compromettere il buon risultato, ma anche, nei casi più gravi, la salute. Nello specifico sono i cosiddetti falsi miti sui quali vengono basate molte diete le rendono inefficaci e dannose.

Mangiare poco o digiunare permette di perdere peso

Il primo, più noto e conosciuto, dei falsi miti è quello che mangiando poco, o digiunando, è possibile perdere peso in poco tempo. Niente di più sbagliato! Il metabolismo, quando non si mangia con piccole porzioni, tende a rallentare. Infatti, il corpo, prima di attingere dalle fonti di energia accumulate, innesca un meccanismo che ha lo scopo di limitare la sua dissipazione. La conseguenza è il cosiddetto effetto yo-yo per mezzo del quale i grassi e gli zuccheri impiegheranno un tempo maggiore per essere smaltiti e, dunque, si trasformeranno in massa grassa che fa aumentare il peso corporeo. È opportuno sottolineare che, un regime alimentare che prevede grandi privazioni e piccole dosi di cibo, non deve essere in alcun modo paragonato al digiuno intermittente o a qualunque pratica medica suggerita dagli esperti a seguito di approfonditi studi scientifici.

Lo zucchero di canna come sostituto di quello raffinato

Molto spesso si sente dire che lo zucchero di canna sia più sano, meno dannoso o più adatto ad una dieta, rispetto allo zucchero tradizionale. Ed ecco qui che si presenta il secondo falso mito! Quello grezzo, rispetto a quello bianco, non presenta alcuna differenza sostanziale. Molti studi chimici hanno dimostrato che la differenza tra queste due varietà risiede semplicemente nel processo di eliminazione di una parte maggiore (quello bianco) o minore (quello di canna) di melassa.

Le diete: falsi miti e buone regole da sapere. I carboidrati sono dannosi

Un altro falso mito da sfatare che riguarda le diete è il fatto che, secondo alcuni, i carboidrati sarebbero dannosi e, ancor peggio, favorirebbero l’aumento di peso. In questo caso è importante sottolineare che si confondono i carboidrati, ovvero gli zuccheri, con quelli complessi cioè i cibi a base di farina di grano o riso

Dunque, se è pur vero che i secondi, che presentano una catena lunga, sono più difficili da digerire, è da tenere in considerazione che è sufficiente ridurne la dose per apportare la giusta dose di energia all’organismo evitando di creare una scorta eccessiva di questo macro nutriente.

La frutta fa sempre bene

Il quarto falso mito riguarda un prodotto che, basandosi sulla falsa informazione che circola sulle riviste e in rete, sarebbe da considerare come essenziale per la dieta: la frutta. Non solo, alcuni pensano che la frutta possa essere mangiata in grandi quantità durante un regime alimentare controllato priva di grassi e sana

In questo caso l’errore fondamentale risiede nella non attenzione verso i nutrienti della frutta. Infatti, qualunque varietà si scelga, essa presenterà elevati livelli di carboidrati, e quindi di zuccheri, che possono risultare eccessivi e, in alcuni casi, anche dannosi se assunti da soggetti che soffrono di glicemia alta o diabete. Dunque, è importante che sia il medico o il dietista a consigliare al proprio paziente la quantità di frutta da assumere giornalmente in base al proprio quadro clinico.

Le diete: falsi miti e buone regole da sapere. La fonte di proteine maggiore è la carne

Negli ultimi anni diversi studi hanno confermato che la convinzione che la carne sia la fonte principale di proteine sia un falso mito ben consolidato. Anche in questo caso è opportuno smentire questa credenza capendo in quali altri alimenti sono presenti le proteine. Oltre al pesce e ai prodotti derivati dagli animali, come uova, latte, formaggio ecc.…, anche le verdure e i legumi, in particolare, contengono un alto valore proteico. Quindi, per studiare una dieta bilanciata è sempre consigliabile valutare la quantità di proteine che si desidera assumere nel complesso e suddividerla equamente tra gli alimenti appena citati.

Biologico è un sinonimo di dietetico

Infine, il falso mito per eccellenza è l’associazione della parola biologico a dieta. La coltura o l’allevamento biologico non è altro che una metodologia attraverso la quale alcune aziende decidono di coltivare gli ortaggi o allevare gli animali. Per questa ragione su taluni cibi reperibili al supermercato è possibile trovare la dicitura bio o biologico. Ciò significa che alla base di quella pietanza sono stati impiegati materie prime provenienti da aziende che lavorano seguendo regole ben precise. Questo non ha nulla a che vedere con il concetto di dietetico, sano o light.

Per questa ragione acquistare cibi biologici è importante per il bene dell’ambiente ma non ha alcun peso all’interno di un piano alimentare o una dieta che ha come obbiettivo la perdita di peso.

(Foto di Skica911 da Pixabay)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here