Guida completa alle tecniche e regole del Judo: tutto quello che devi sapere

0
779

Il Judo è uno sport di combattimento nato in Giappone alla fine dell’Ottocento. Questo sport è uno dei più diffusi al mondo e, grazie al suo alto contenuto tecnico e agli insegnamenti morali che promuove, è stato incluso tra le discipline olimpiche nel 1964. In questa guida completa alle tecniche e regole del Judo, ti spiegheremo tutto quello che devi sapere per praticare questo sport a livello agonistico o amatoriale.

Le tecniche del Judo

Il Judo si basa sulle proiezioni, le prese e le leve articolari. L’obiettivo principale è far cadere l’avversario a terra e controllarlo mantenendo il massimo della stabilità e dell’equilibrio. Le tecniche del Judo si dividono in due categorie: nage-waza (proiezioni) e katame-waza (levate articolari e controlli al suolo). Le proiezioni sono il cuore del Judo e sono divise invarie serie in base alla distanza e alla posizione dell’avversario. Le leve articolari e i controlli sono altrettanto importanti e spesso sono utilizzati per portare l’avversario alla resa o per immobilizzarlo sul tatami.

Le tecniche di proiezione

Le tecniche di proiezione si dividono in diverse serie in base alla distanza e alla posizione dell’avversario. Le principali sono: Ashi-waza (take-down con le gambe), Koshi-waza (proiezione delle anche), Te-waza (proiezioni delle braccia), Tai-sabaki (movimento del corpo) e Sutemi-waza (cade dal proprio corpo). Tra le tecniche di proiezione più famose ci sono l’O-goshi (proiezione con anca), il Seoi-nage (proiezione con spalla) e l’Uchi-mata (proiezione con interno coscia).

Le tecniche di kontrollo

Le tecniche di controllo sono essenziali per mantenere l’avversario a terra o per portarlo alla resa. Le principali tecniche di controllo sono: Osae-komi-waza (controlli a terra), Shime-waza (strangolamenti) e Kansetsu-waza (levate articolari). Tra le tecniche di controllo più famose ci sono: Kesa-gatame (controllo laterale), Juji-gatame (levata articolare al braccio) e Kata-gatame (controllo con la testa e il braccio).

Le regole del Judo

Il Judo è uno sport molto regolamentato e le regole sono molto importanti per garantire la sicurezza degli atleti e la regolarità delle gare. Le regole del Judo sono divise in quattro aree principali: i criteri di valutazione, le penalità, le regole per le proiezioni e le regole per le leve articolari e i controlli. I criteri di valutazione sono basati sull’efficacia delle tecniche, la forza e il controllo del movimento. Le penalità sono date per comportamenti scorretti o per il mancato rispetto delle regole.

I criteri di valutazione

I criteri di valutazione del Judo sono basati sull’efficacia delle tecniche, la forza e il controllo del movimento. Gli arbitri valutano la posizione degli atleti, la durata e la stabilità delle tecniche e la reazione dell’avversario. La forza e la determinazione sono importanti, ma la tecnica e il controllo del movimento sono ancora più importanti. Nel caso di una situazione di parità, vince il judoka che ha dimostrato di controllare e dominare l’avversario.

Le penalità

Le penalità nel Judo sono date per comportamenti scorretti o per il mancato rispetto delle regole. Le penalità possono essere assegnate per azioni come: resistere alle proiezioni, usare tecniche illegali, comportarsi in maniera antisportiva, lasciare il tatami senza permesso, ecc. Le penalità possono essere di diverso grado e possono portare alla squalifica della gara.

Le regole per le proiezioni

Le regole per le proiezioni sono molto importanti per la sicurezza degli atleti e la regolarità delle gare. In generale, le proiezioni devono essere eseguite in modo che l’avversario cada in modo controllato sul tatami. Non è consentito afferrare i pantaloni dell’avversario o utilizzare tecniche che lasciano l’avversario capovolto. Inoltre, è vietato proiettare l’avversario sul collo o sulla testa.

Le regole per le leve articolari e i controlli

Le regole per le leve articolari e i controlli sono anch’esse molto importanti per la sicurezza degli atleti e la regolarità delle gare. Le leve articolari devono essere eseguite in modo lento e controllato e l’avversario deve cedere in modo esplicito. Le tecniche di controllo devono essere eseguite in modo che l’avversario non subisca danni o lesioni. In caso di lesione o dolore, la gara viene immediatamente interrotta e l’avversario viene dichiarato vincitore.

Il Judo è uno sport di combattimento molto tecnico e allo stesso tempo molto disciplinato. La sua pratica promuove l’autodisciplina, la concentrazione e la capacità di reagire in situazioni di stress. In questa guida completa alle tecniche e regole del Judo hai appreso tutto ciò che devi sapere per iniziare la pratica di questo sport. Ricorda sempre di rispettare le regole e di praticare in modo sicuro. Per approfondimenti sulle tecniche di Judo, ti consigliamo di consultare questa guida alle tecniche di Judo per principianti o di leggere questo articolo sulla differenza tra il Judo e l’Aikido: qual è la differenza tra Judo e Aikido?.

Cosa aspetti? Inizia a praticare il Judo e scopri tutto il fascino di questo sport millenario!

  • Judo è uno sport di combattimento nato in Giappone alla fine dell’Ottocento
  • Le tecniche del Judo si dividono in due categorie: nage-waza e katame-waza
  • Le regole del Judo sono divise in quattro aree principali
  • Il Judo è uno sport molto regolamentato e le regole sono molto importanti
  • Praticare il Judo promuove l’autodisciplina, la concentrazione e la capacità di reagire in situazioni di stress

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here